OCULISTI ITALIANI

Il sito degli oculisti italiani dedicato all'occhio, alle sue malattie ed alla sua cura

01 - camera posteriore
02 - ora serrata
03 - muscolo ciliare
04 - zonale ciliare
05 - canale di Schlemm
06 - pupilla
07 - camera anteriore
08 - cornea
09 - iride
10 - capsula del cristallino

11 - nucleo del cristallino
12 - processi ciliari
13 - congiuntiva
14 - muscolo obliquo infer.
15 - muscolo retto inferiore
16 - muscolo retto mediale
17 - vasi retinici
18 - disco ottico
19 - dura madre
20 - arterie centrali retiniche
21 - vene centrali retiniche
22 - nervo ottico
23 - vene vorticose
24 - fascia bulbare
25 - macula
26 - fovea
27 - sclera
28 - corioide
29 - muscolo retto superiore
30 - retina

Home Page




• Albinismo oculare

• Anatomia oculare

• Bulbo oculare

• Chirurgia oculare

• Degenerazione maculare oculare

• Ecografia oculare ed orbitaria

• Edema oculare retinico

• Farmacologia oculare

• Fisiopatologia oculare

• Fondo oculare

• Fonometria oculare

• Ginnastica oculare

• Globo oculare

• Herpes oculare

• Ipotomia oculare

• Lente sclerale da calco oculare

• Miastenia oculare

• Microchirurgia oculare

• Oncologia oculare

• Pressione oculare

• Protesi oculare

• Secchezza oculare

• Senescenza oculare

• Tonometria oculare

• Toxoplasmosi oculare

• Ginnastica Oculare

Volete migliorare la vostra capacità visiva? La prima mossa da fare è mettervi in testa che con un adeguato allenamento potrete raggiungere efficacemente il vostro obiettivo. L'allenamento di cui parliamo è il Visual Training, o ginnastica oculare, indicato a tutte le età ed utile non solo ai fini funzionali, ma anche estetici (per la prevenzione delle piccole rughe agli angoli degli occhi, le cosiddette "zampe di gallina").

Come si pratica la ginnastica oculare?
Come per ogni tipo di ginnastica, anche quella oculare deve essere eseguita correttamente e con regolarità, se si vogliono ottenere benefici apprezzabili. Il consiglio è quindi di svolgere le prime sedute presso uno studio di ortottica, per poi, una volta appresa con sicurezza la tecnica, continuare da soli. Quanto dedicare alla ginnastica dei nostri occhi? Anche quindici/venti minuti al giorno. Tempo e luogo sono in questo caso due costanti facili da trovare, anche per la persona super-impegnata: al mattino appena alzati, durante una pausa in ufficio o in qualsiasi altro momento della giornata in cui potete concedervi un breve periodo di relax. Il bello della ginnastica oculare è che la si può ripartire in più tranches nell'arco delle 24 ore, dato che per completare una serie di esercizi viene richiesta appena una manciata di minuti. Naturalmente il risultato degli esercizi è proporzionale alla costanza con cui sono stati eseguiti.

Perché farla?
Ma perché "allenare" gli occhi? Per prevenire l'insorgenza di problemi visivi, potenziare la funzionalità visiva, mantenere la migliore condizione visiva raggiunta e soprattutto compensare o rimediare tutte quelle insufficienze visive che si sono già sviluppate. La ginnastica oculare insomma è un vero toccasana per tonificare e rinforzare i nostri occhi. A tutte le età ed anche in assenza di problematiche oggettive. Nella vita quotidiana si usano poco le posizioni estreme di sguardo perché ci ci si aiuta girando, alzando od abbassando la testa: quindi i muscoli oculari non compiono con frequenza movimenti atti a dare elasticità ai muscoli stessi. E' importante dunque tenere "in allenamento" questi muscoli con esercizi mirati, di facile esecuzione, e, alla stregua dell'esercizio fisico, adottarli quotidianamente, introducendoli tra le sane abitudini che migliorano la qualità della nostra vista.

Gli esercizi
I muscoli extraoculari, o estrinsechi, sono i più usati tra i muscoli volontari del corpo umano. Sono sei per ogni occhio (retto mediale, retto laterale, retto superiore, retto inferiore, piccolo obliquo, grande obliquo) e sono in azione anche durante il sonno (nella fase REM, infatti, i nostri occhi compiono movimenti rapidi). Nei casi in cui si ha uno squilibrio particolare della muscolatura oculare, ma anche dopo un intervento chirurgico di strabismo, la ginnastica oculare costituisce un supporto fondamentale per rinforzare e tonificare tutti i muscoli degli occhi.

3 ESERCIZI DA PROVARE SUBITO
Ecco tre semplici esercizi di Visual Training. Le prime volte potrà esservi utile osservarvi allo specchio, ma poi, presa dimestichezza, con la ginnastica oculare - sarete in grado di fare gli esercizi meccanicamente senza nessun problema.
1. Per svolgere il primo esercizio è necessario munirsi di una piccola luce tascabile e di una sedia, o meglio di uno sgabello. Sedetevi ed appoggiate la schiena e la testa al muro, in posizione eretta, e tenete la luce davanti agli occhi ad una distanza di 40 cm. Con la testa immobile, seguite lentamente con lo sguardo la luce mentre la spostate a destra e a sinistra, in basso e in alto.
2. Questo esercizio è utile per stimolare la convergenza degli occhi. Munitevi di una penna e di una matita ben temperata. Allungate il braccio, tenendo in mano la penna davanti alla radice del naso, ad una distanza di 25 centimetri. Fissate la punta della penna e con l'altra mano, partendo da lontano, avvicinate lentamente una matita ben temperata, fino a far combaciare perfettamente le punte.
3. Un altro esercizio che insegna agli occhi come convergere si esegue fissando una lucina tascabile posta a 25 cm di distanza dal naso. Avvicinate lentamente la luce al naso cercando di guardarla con entrambi gli occhi. Se la luce si sdoppia vuol dire che gli occhi non stanno convergendo.

PER RILASSARE GLI OCCHI
Ecco un esercizio utile per ridurre la tensione: sfregatevi le mani per riscaldare i palmi, chiudete gli occhi e appoggiatevi sopra le mani, toccando leggermente le ossa intorno agli occhi, ma senza sfiorare le palpebre. Contate fino a 70.

PER OCCHI GIOVANI E LUMINOSI
Questi due esercizi sono utili per rafforzare i muscoli orbicolari e per prevenire i tipici inestetismi del contorno occhi, come "zampe di gallina" e palpebre pesanti.
1. Con la testa ben ferma, roteare lentamente lo sguardo in senso orario. Gli occhi vanno ruotati fin dove vi riesce possibile. Con la pratica vi accorgerete di come si possono "risvegliare" muscoli di cui finora ignoravate l'esistenza.
2. Sbattete ripetutamente le ciglia contando lentamente fino a venti. Tenete chiusi gli occhi per altri venti secondi. Terminate l'esercizio mantenendo gli occhi ben spalancati il più possibile (almeno venti secondi). Potrete ripetere questo esercizio nel corso della giornata., soprattutto se restate a lungo di fronte a libri o a computer. Una pausa di questo tipo vi aiuterà a rilassare la muscolatura dell'occhio e a "spezzare" la concentrazione.